La Storia Enoteca Joja

Joja è nato dal sogno di portare a Schio l’esperienza internazionale che ho maturato in Perù insieme a grandi sommelier internazionali e a chef stellati.
Per la mia enoteca ho scelto un luogo a cui sono sempre stato affezionato: un vecchio panificio chiuso da molto tempo. È stato emozionante rientrare dopo tanti anni in queste stanze vuote e farle tornare in vita. Parte dei lavori di ristrutturazione li ho fatti in prima persona mettendoci passione e sudore. 

Il nome Joja l’ho preso dal nomignolo affettuoso con cui mia nonna chiamava nonno Mario Noaro, una persona che è sempre stata un esempio di coraggio per me. Lui ha saputo ripartire dopo aver perso le gambe a diciannove dopo una tragica escursione sul Pasubio. Nonostante ciò, non si è mai perso d’animo e ha affrontato la vita con coraggio e positività. Il suo esempio e che è un esempio per affrontare questi anni travagliati dall’epidemia. 
Ora che le luci si sono riaccese nel locale di Via Carducci, al suo interno trovata me e il mio staff pronti ad offrirvi vini e cibi di qualità, realizzati da produttori indipendenti che lavorano come noi con una grandissima passione.

Marco Carollo, sommelier

marco calgaro sommelier joja
Sono un sommelier AIS dal 2010 e mi sono diplomato all’istituto alberghiero di Recoaro. Alla fine degli studi mi sono subito lanciato nel mondo della ristorazione lavorando in importanti locali della zona di Schio. Con mio fratello, lo chef Paolo Carollo, ho gestito per un paio di anni il ristorante “Statale 46” a Valli del Paubio. Poi la mia vita è cambiata quando, nel marzo 2011, a 27 anni sono andato in Perù. Doveva essere una vacanza, ma si è trasformata in un’esperienza di vita. Lì infatti ho incontrato Jacqueline Rey, fondatrice e direttrice della prima scuola di sommelier e servizio di sala di Lima, che mi ha chiesto di occuparmi della parte didattica dei loro corsi. Grazie a questo lavoro sono entrato in contatto con Wong, un'azienda proprietaria di una catena di supermercati alimentari del lusso, con oltre mille negozi e 14 mila dipendenti sparsi fra Cile, Colombia, Argentina e Perù. Di fatto la più grande cantina commerciale latinoamericana. Wong mi ha assunto come responsabile immagine per il settore dei vini e liquori. Mi sono quindi trovato a lavorare per un’azienda che gestisce il 70% del mercato dei vini nel paese. Per loro ho lavorato anche a Expovino, una sorta di piccola Vinitaly, che mi ha permesso di conoscere importatori ed enologi da ogni parte del mondo.

Per me sono stati anni importanti che hanno coinciso con una grande crescita del mercato dei vini dal Perù. Ho lavorato con i più importanti cuochi peruviani ed anche per lo Stato peruviano. In pratica ho fatto da ambasciatore dei vini italiani e ho ottenuto dei prestigiosi riconoscimenti. Sono stato nominato “mejor sommelier de Wong y Expovino” e sono diventato presidente dell'Unione Peruviana Sommelier, un'associazione con 4 mila affiliati.

Avevo un ruolo d’immagine per cui sono finito in Tv e alcune riviste hanno parlato di me. Tuttavia nel mio cuore c’era sempre la voglia di tornare a Schio, dove sono cresciuto e dove ho amici e affetti. In un’intervista del 2013 riguardo al mio futuro dicevo: «il mio songo è quello di tornare in Italia ed aprire una mia enoteca dove io possa mettere in gioco tutta l’esperienza conseguita in Perù». E quindi eccomi qua dietro al bancone di Joja
enoteca-joja-vini-speciali-schio-antica

Joja, il soprannome di mio nonno Mario Noaro

Per scegliere il nome della mia enoteca non ho mai avuto dubbi: Joja. Questo infatti era il soprannome che mia nonna aveva dato a nonno Mario Noaro, che ho amato tanto e che è stato molto presente nella mia infanzia. Per me è stato una figura mitica e il suo esempio mi ha sempre stimolato nel lavoro. Nel 1941 a soli 19 anni ha perso le gambe durante una spedizione in montagna. Era partito in pieno inverno per una scalata in solitaria della Parete del Soglio Rosso sul Pasubio. 
Nessuno aveva mai tentato quell'impresa nella stagione più fredda. Purtroppo la fatica gli impedì di rientrare a casa e quindi trascorse la notte in un bivacco improvvisato. La temperatura scese fino a meno venticinque gradi e dentro gli scarponi bagnati di neve gli si gelarono i piedi. Il giorno successivo riuscì a rientrare a casa dopo una lunga discesa a piedi, ma purtroppo gli vennero amputate le gambe a causa del congelamento subito. Nella vita ha dovuto affrontare molte difficoltà, ma non si è mai perso d'animo. Negli anni successivi si è dedicato alla sua passione per la pittura. Nel corso della sua carriera artistica ha partecipato a centocinquanta mostre, ricevendo numerosi premi tra cui una prestigiosa medaglia d'oro consegnatagli nel 1958 a Roma dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Alla storia di mio nonno è dedicato il bellissimo libro “Mario Noaro. L'alpinista, l'artista, l'uomo” di Matteo Bertolotti, Bepi Magrin e Matthias Stefani.

Marco Carollo 
Sommelier e maitre di sala
CONTATTAMI
JOJA DI CAROLLO MARCO 
VIA DON. F FACCIN, 45
36015 - SCHIO (VI)
P.IVA 04175420241

Social

Contattaci

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram